I nostri cookie e quelli installati da terze parti ci aiutano a migliorare i nostri servizi online. Continuando la navigazione su questo sito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Accetta i cookie e chiudi questo messaggio
<< redazione@crispianonline.com >>
  Skip Navigation LinksHome page : Attualità : Ultime notizie

notizie :: filtro di ricerca ::
Gli articoli riportati esprimono esclusivamente le opinioni dell'autore, e non devono in nessun caso essere intesi come la posizione ufficiale dello staff di crispianonline.com e crispianonline.it
Crispiano - sabato 04/07/2015 20.58

Notizie

sabato 04/07/15 -  Francesco Santoro

Gassman all'Italsider

Quando i grandi della storia hanno anche una grande umanità la cultura alza l’asticella e segna un distacco dal passato disegnando un notevole scarto prospettico.


 
lug
10
ven
La prossima settimana

Giorno
venerdì 10/07/15

Orario
20.00

Dove: Biblioteca Carlo Natale

Quando i grandi della storia hanno anche una grande umanità la cultura alza l’asticella e segna un distacco dal passato disegnando un notevole scarto prospettico.

Succedeva più di 50 anni fa quando il signor Vittorio Gassman raggiungeva l’Italsider di Taranto e portava il teatro al proletariato.

All’apice della sua popolarità, cercava nuovo pubblico per gli spettacoli.

Brecht, Shakespeare, Jonesco , Moliere, Pirandello:  un’ antologia della drammaturgia davanti a un pubblico abituato poco o per niente  all’ arte di Dioniso.

Lo racconta un piccolo cortometraggio mostrato gratuitamente a Palazzo Ulmo, sull’isola di Taranto,  nell’ambito del Festival Internazionale del Cinema Documentario – Premio Marcellino de Baggis . Il cortometraggio è un reperto unico, concesso dalla Rai e alla quale dovrà tornare tra pochi giorni, un filmato che non è reperibile sulla rete o nelle videoteche, un’ esclusiva.

Manciate di minuti che inducono a delle riflessioni ben più lunghe.

Dunque ecco lo scopo dell’ incontro: assolvere alla funzione del cinema documentario che è quella di raccontare la realtà, filmata da un’ angolatura diversa per mostrare uno scorcio nascosto, in una prospettiva che possa rischiararla.

E da questa vista aprire un dibattito che sia anche interiore.  Andare " Di scena in fabbrica" svilisce la cultura  o forse la nobilita? E chi sarebbe disposto a farlo ancora oggi? Quell' oggi in cui la cultura non cerca più il popolo, ma si ritrae e l' ignoranza erode la poesia come il mare mangia l’arenile.

Perché è tanto inconcepibile cercare la spiritualità del teatro in chi vive nella materialità dell'acciaio?  Guardare Vittorio Gassman in bianco e nero e vedere che cammina e fuma con gli operai dalle mani sporche e il volto nero. E guardare attraverso quell'inquadratura il lavoro degli operai, la loro vita. E scoprire che oggi poco è cambiato.

O nulla?  Il pubblico di Gassman, il pubblico dalle mani sporche, si era presentato in giacca e cravatta all'appuntamento con la cultura e, intervistato, aveva risposto con sincerità, senza ipocrisie, aveva provato un approccio critico all'opera d'arte.

Quale migliore risultato per chi cerca di attizzare una coscienza attraverso un copione? Sono solo interrogativi quelli che lancia il cortometraggio.

E vederlo una sola volta non basta. Vederlo una sola volta lascia il sapore di un buon vino sulle labbra inumidite.

Bisognerebbe sorseggiarlo, assaporarlo ancora, gustarlo non una ma mille volte per sentirne tutti gli odori  e i sapori fino a coglierne il retrogusto.

Un retrogusto amaro, forse. Vittorio Gassman aveva immaginato di rappresentare un moderno Prometeo  sullo sfondo dell’Italsider.

Prometeo, il titano che ruba il fuoco agli dei per donarlo agli uomini, simbolo del progresso e della tecnologia.

Chissà cosa avrebbe pensato “il mattatore “ il 28 novembre 2012 se avesse visto il fulmine caduto dal cielo sulla ciminiera dell'Ilva. Forse una punizione di Zeus? E chissà se in fondo non la meritiamo.

Forse avremmo potuto fare di meglio con quel fuoco... (Alfredo Traversa – Regista -Teatro della Fede ) (L’associazione Culturale qui e Ora Due Occhi Belli Crispius, in collaborazione dell’Assessorato alla Cultura di Crispiano , invita a partecipare alla proiezione del Film documentario in programma presso la Biblioteca Comunale di Crispiano il 10 Luglio 2015 alle ore 20,00.

sabato 04/07/15 -   Francesco Santoro    






 




(anonimo)
Commenta questa notizia:
Per poter inviare un commento è necessario essere autenticati.
Inserisci il tuo nome utente e la tua password nelle caselle in alto a sinistra e premi il pulsante "Entra" oppure CLICCA QUI

Non possiedi un nome utente e una password ? Allora registrati  gratuitamente

  Le Altre Notizie

Gassman all'Italsider...
Francesco Santoro. 04/07/15
A.A.A. Cercasi Disperatamente Cenerentola...
Francesco Forleo. 02/07/15
4^ TROFEO "LE 100 MASSERIE"...
Domenico Carrieri. 30/06/15
RIECCO LA TARI...
Gruppo consiliare. 26/06/15
CONFERENZA MICROCREDITO ED E-COMMERCE RESOCONTO...
MEETUP AMICI DI B. 25/06/15
Alluvione in Georgia...
Francesco Santoro. 24/06/15


  Categoria
 
  Cerca le seguenti parole
 
  Fonte
 
  Mese   Anno
   
altre notizie
:: I nostri corrispondenti ::

Annese Michele
famigliaannese@libero.it

Guarnieri Paola
daele@libero.it

Notarnicola Caterina
c.notarnicola@libero.it

Redazione Biblioteca Civica
info@bibliotecanatale.it
invia un articolo | stampa | torna su |