<< redazione@crispianonline.com >>
  Skip Navigation LinksHome page : Attualità : Ultime notizie

notizie :: filtro di ricerca ::
Gli articoli riportati esprimono esclusivamente le opinioni dell'autore, e non devono in nessun caso essere intesi come la posizione ufficiale dello staff di crispianonline.com e crispianonline.it
Crispiano - venerdì 18/04/2014 02.42

Notizie

lunedì 16/07/12 -  Daniele Clemente

Incendio alla pineta del Parco dell'Arciprete

Erano le 17:00 circa di oggi 15 luglio 2012 quando un denso fumo bianco grigiastro alto nel cielo colpiva il mio cuore. Ero già certo che quel timore che avevo dentro da molti anni si era tramutato in verità.


 
Erano le 17:00 circa di oggi 15 luglio 2012 quando uscito da casa in auto, un denso fumo bianco grigiastro alto nel cielo colpiva il mio cuore. Ero già certo che quel timore che avevo dentro da molti anni si era purtroppo tramutato in triste verità.
L'ultimo residuo della PINETA DEL PARCO DELL'ARCIPRETE era giunta al capolinea della sua esistenza.
Erano anni che ci provavano a bruciare quegli alberi di pino d'Aleppo.

L'anno scorso fu per non so quale fortuna tregua.

Ma due anni ci andarono davvero vicini: ad andare in fumo furono i giovani alberi di olivo da poco piantati attorno alla masseria Scorace, la macchia mediterranea ed ai primi alberi del bosco delle Pianelle.

Tre anni fa fu invece preso di mira la dirimpettaia macchia mediterranea del parco dell'arciprete attorno al San Raffaele.

Insomma, la tragedia era nell'aria.
Si deve aggiungere, infatti, l'incuria e il degrado in cui versava la stessa pineta: alberi abbattuti secchi, sterpaglie, rifiuti di vario genere.

Solo una settimana fa il comune di Crispiano aveva provveduto a tagliare l'erba a bordo strada della pineta.
Ma questo purtroppo non è bastato: non c'era alcuna "precesa" o "fascia protettiva" sulla fascia direttamente confinante con la pineta per una larghezza non inferiore a dieci metri e, comunque, tale da assicurare che il fuoco ivi non si propagasse dalle altre proprietà circostanti e/o confinanti così come prescrive la normativa in proposito.

Certo la mano criminale dell'uomo sarebbe stata determinante anche con la precesa: la pineta sarebbe potuta andare ugualmente in fumo, ma di certo le fiamme non sarebbero giunte così come questa volta fino al bosco delle Pianelle!!!
Quel che resta ora è solo un altro profondo colpo inferto alla nostra Crispiano ed ai ricordi di me bambino che passeggiavo con mio padre nella pineta dell'Arciprete.



lunedì 16/07/12 -   Daniele Clemente    






 
marika 17/07/12 10.54.25

poveri alberi e poveri cani, a quanto pare hanno vietato di utilizzare l acqua dal canile per rifrescarli, che vergogna!!!!!!!!!!!!!







(anonimo)
Commenta questa notizia:
Per poter inviare un commento è necessario essere autenticati.
Inserisci il tuo nome utente e la tua password nelle caselle in alto a sinistra e premi il pulsante "Entra" oppure CLICCA QUI

Non possiedi un nome utente e una password ? Allora registrati  gratuitamente

  Le Altre Notizie

Grande successo per "Opportunità per le imprese"...
Dott. Vito Paciul. 16/04/14
Regolamento sulle riprese audiovisive...
Francesca Millart. 14/04/14
ESODO, il radiodramma di Gaetano Colella in onda R...
Ufficio Stampa Te. 11/04/14
Proposta per la scelta degli scrutatori...
Oriana Murana. 10/04/14
L'A.S.D. CRISPIUS GRANDIOSA...
Scialpi Cosimo. 09/04/14
Che faccia tosta i passati amministratori!...
Dott. Vito Paciul. 07/04/14


  Categoria
 
  Cerca le seguenti parole
 
  Fonte
 
  Mese   Anno
   
altre notizie
:: I nostri corrispondenti ::

Annese Michele
famigliaannese@libero.it

Guarnieri Paola
daele@libero.it

Notarnicola Caterina
c.notarnicola@libero.it

Redazione Biblioteca Civica
info@bibliotecanatale.it
invia un articolo | stampa | torna su |