Il rondò nasce infeltrito?

Print Friendly, PDF & Email

CRISPIANO – Procedono i lavori di costruzione della bretella stradale tra via Foggia e via Martina franca. Quando sarà percorribile, servirà a decongestionare il traffico automobilistico costretto per ora ad intasarsi, specie nelle ore di punta, su via Martina franca. A lavori ultimati sarà come una grande ‘L’: attraverso una rotatoria il primo tratto da via Foggia si inoltrerà in contrada Pezze. Lì sarà realizzata un’altra rotatoria ed allargata quella che fino ad ora è sempre stata una stradina di campagna. L’altro tratto partirà da lì ed arriverà all’incrocio tra via Martina franca e la circonvallazione Conca d’Oro (sarà creato un ultimo rondò). Previsto l’allargamento del passaggio a livello delle Ferrovie del Sud Est.
Bella l’intenzione, poco pratica la soluzione che si sta adottando secondo alcuni cittadini crispianesi. Due segnalazioni a Puglia press negli ultimi giorni hanno sollevato più di un dubbio sulla reale percorribilità del rondò, in costruzione su via Foggia, per i mezzi di trasporto di stazza maggiore, come camion e pullman.
Abbiamo girato la domanda all’assessore comunale al ramo, Antonio Magazzino, che da tre anni ricopre anche la carica di vice sindaco di Crispiano. Per l’esponente della giunta Laddomada la rotatoria in costruzione in questi giorni sulla importante arteria crispianese rispetta i nuovi parametri previsti dalle norme in materia, vigenti dallo scorso luglio in tutta Italia. Magazzino, inoltre, ricorda che lo scopo di un ostacolo fisso come lo spartitraffico circolare in questione dovrà servire a rallentare il traffico, canalizzandolo. Non a caso, proprio in quel punto di via Foggia, in passato, la Polizia municipale più volte aveva sollevato contravvenzioni per eccesso del limite di velocità (50 km orari) nei confronti di automobili che sfrecciavano al di sopra degli 80 km/h.
Ad ogni buon conto, Magazzino promette che, dopo aver completato il tracciato della nuova canalizzazione stradale che condurrà alla ‘bretella’ vera e propria, il rondò sarà sperimentato simulando l’attraversamento di un camion e di un pullman.
Ultimo appunto. Per anticipare la fruizione dell’importante opera pubblica, l’assessore esponente dei Democratici di sinistra ha dichiarato a Puglia press che già nelle prossime settimane la nuova carreggiata stradale da via Foggia a contrada Pezze sarà aperta al traffico.

Fonte: Cataldo Zappulla