Crispiano Comune Riciclone 2015

Print Friendly, PDF & Email

Il nostro comune ancora una volta è stato premiato a Bari da Legambiente come “Comune Riciclone Puglia 2015” per aver raggiunto e superato il 65% di raccolta differenziata. Crispiano si è classificato quinto in Puglia tra i comuni con popolazione superiore a diecimila abitanti con una percentuale di raccolta che supera il 69%, calcolata per l’anno 2014 e i primi nove mesi del 2015. Un riconoscimento che dimostra quanto la popolazione sia attenta alla propria città e al proprio territorio, un motivo di vanto per il valore anche sociale. Si può lavorare per migliorare, per esempio selezionando con più attenzione ciò che va nella parte di secco residuo, ma anche attivando comportamenti più virtuosi, preferendo l’acqua pubblica, per esempio, o prodotti sfusi, oppure facendo autocompostaggio. “Il nostro obiettivo è superarci ogni giorno” commenta Pino Caramia, responsabile del servizio di raccolta per conto di Serveco “e il riconoscimento di Legambiente ci dimostra che stiamo facendo bene. Ma il nostro obiettivo è migliorare sempre più, magari riuscire ad arrivare primi, anche grazie all’utilizzo dell’app Riciclario, della quale il comune di Crispiano è dotata. Per raggiungere questi risultati gli elementi necessari sono tre: un’amministrazione lungimirante, che decide di scommettere sull’innovazione anche dal punto di vista ambientale, cittadini attenti e sensibili, che si prendono cura del loro stesso territorio e un’azienda che svolge il proprio lavoro con professionalità. A Crispiano questa alchimia sembra essere riuscita”. Il premio va condiviso con tutta la cittadinanza, con quei cittadini “virtuosi” che hanno compreso quanto sia importante fare la raccolta differenziata . Il tema dei rifiuti è un tema prima di tutto sociale perché investe il quotidiano di ciascuno di noi, oltre che ambientale naturalmente. Vogliamo partire da qui per mettere a regime il sistema per raggiungere altri traguardi ovviamente con il confronto con tutti gli attori coinvolti. Insieme alla cogenza delle norme deve crescere e radicarsi nelle comunità locali una coscienza informata nell’ ecologia, nell’etica, nei valori, negli atteggiamenti e nelle competenze necessarie per uno sviluppo ecosostenibile. In questo scenario la raccolta differenziata è ancora la procedura e l’obiettivo principale da attuare e garantire per puntare definitivamente agli obiettivi principali dell’economia circolare: rifiuti zero, discariche zero, emissioni zero. Se si continua a lavorare con continuità, condivisione e corresponsabilità i risultati arrivano. Dott.ssa Pontrelli Sabrina consigliere delegato all’ambiente e all’ecologia.

Fonte: dott.ssa Sabrina Pontrelli