DOMANI SERA A CRISPIANO SEMINARIO DELL’AFS

Print Friendly, PDF & Email

Domani 12 settembre, alle ore 17,30, in c.so Vittorio Emanuele 68, si terrà il seminario cittadino di formazione a cura del Centro locale di Taranto dell’Associazione AFS intercultura, presieduto dalla nostra concittadina dott.ssa Patrizia Simonetti. Relatore il prof. Alberto Fornasari, delegato del Rettore dell’Università di Bari. Al progetto educativo, partecipa anche una famiglia Fornaro di Crispiano che ospiterà Juan Lopez Esteban dal  Messico e frequenterà l’ Istituto Scolastico Aristosseno – Taranto. Il Centro Locale AFS Intercultura di Taranto ha accolto altri quattro studenti stranieri arrivati sabato sera, 8 settembre:  Abdelrahman Gharib dall’  Egitto sarà ospitato dalla famiglia Di Ponzio a Taranto e frequenterà l’  Istituto Scolastico Aristosseno – Taranto;  Tamaki Nakayama dal  Giappone sarà ospitata dalla famiglia Giannese di Lama e frequenterà l’  Istituto Scolastico Mediterraneo – Pulsano;    Yuki Negami dal  Giappone sarà ospitato dalla famiglia Notarnicola di Massafra e frequenterà l’ Istituto Scolastico De Ruggieri – Massafra;  Anastasiia Tokmakova dalla  Russia  sarà ospitata dalla famiglia  Pagliari di  Massafra e frequenterà l’ Istituto Scolastico De Ruggieri – Massafra.

Sempre in questi giorni dal Centro Locale di Taranto sono partiti per un programma annuale all’estero:  Alberto Caprioli di Castellaneta frequentante l’Istituto Scolastico Einstein  di Mottola,destinazione  Brasile;   Alice Annicchiarico di Grottaglie frequentante l’ Istituto Scolastico Moscati di Grottaglie, destinazione  Hong Kong. 2018:

Gabriella Lippolis di Massafra frequentante Istituto Scolastico Aristosseno di Taranto, destinazione  Olanda,

Federica D’amicis di Grottaglie frequentante l’ Istituto Scolastico Aristosseno di Taranto, destinazione in  Portogallo

I programmi estivi invece si sono conclusi da poco prevedendo 4 settimane in  Irlanda per Gentile Diego Alexander di Taranto frequentante l’ Istituto Scolastico Pitagora  di Taranto;  Pagliari Ester  Cosima di Massafra frequentante l’ Istituto Scolastico De Ruggieri di Massafra;  Rubino Clara di Taranto frequentante l’ Istituto Scolastico Archita di Taranto.  Lioce Lara Rose di Taranto frequentante l’Istituto Scolastico Battaglini di Taranto e invece andata per 4 settimane in  California.

L’Associazione Intercultura rappresenta la più vasta rete di scambi educativi interculturali, con i suoi 250.000 volontari in tutto il mondo, di cui circa 4.500 italiani. E’  un Ente morale riconosciuto con DPR n. 578/85, posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri, ha status di ONLUS e  collabora con la Comunità Europea in molti progetti internazionali.

La Storia di Intercultura è tra le più particolari. In Italia nacque negli anni successivi alla II Guerra Mondiale, per iniziativa di un gruppo di volontari che avevano vissuto esperienze interculturali all’estero, apprezzandone il potenziale educativo e la carica innovativa rispetto ai programmi scolastici tradizionali. A livello internazionale le origini dell’Associazione risalgono alla Prima Guerra Mondiale, quando in Francia, un gruppo di giovani volontari ambulanzieri diede vita ad un’organizzazione umanitaria denominata American Field Service (AFS).  “L’associazione Intercultura- sottolinea la dott.ssa Simonetti – si alimenta del cuore dei volontari che donano il loro tempo per contribuire ad una società mondiale pacificata attraverso la valorizzazione degli incontri interculturali e  favorendone il dialogo interculturale. Aggiunge che quest’anno il  concorso per   programmi scolastici è rivolto prioritariamente ai nati tra il 1° luglio 2001 e il 31 agosto 2004, ed è possibile iscriversi d al  1 Settembre al bando di    p artecipazione versando una quota di iscrizione  concorrendo per una delle circa  1.500 borse di studio  totali o parziali disponibili.  I posti a  disposizione sono più di  2.000  per programmi di studio all’estero con partenza dall’estate 2019. Per saperne di più visitare  il sito https://www.intercultura.it/come-partecipare/” .

Michele Annese