International Piano Competition «Arcangelo Speranza»

Print Friendly, PDF & Email

International Piano Competition «Arcangelo Speranza» 55a edizione Salone della Provincia Taranto Finale domenica 28 maggio Intanto Andrea Napoleoni si aggiudica il Premio speciale Orlando Ha già un primo vincitore, la 55esima edizione dell’International Piano Competition «Arcangelo Speranza», in corso al Salone della Provincia di Taranto. È Andrea Napoleoni, di Bergamo, che si è aggiudicato il Premio speciale «Elsa e Peppino Orlando» per la migliore esecuzione di Paisiello. Intanto sono undici i concorrenti che si stanno sfidando nelle semifinali di oggi in vista della finale di domenica. L’autorevole giuria presieduta da Riccardo Risaliti e composta da Vovka Ashkenazy, Graham Scott, Akemi Alink-Yamamoto e Marco Vincenzi (Italia) è chiamata a vagliare le prove di Mikalai Dziomkin (Bielorussia), Kamil Borkowski (Polonia), Yoko Fukuda, Kaoru Jitsukawa, Wataru Mashimo, Tsubasa Tatsuno (Giappone), Ziming Ren (Cina), Nicolas Riyad (Siria), Oxana Shevchenko (Kazakistan), Riccardo Natale e Serena Valluzzi (Italia). La finale del Concorso, sostenuta da Mibact, Regione Puglia, Provincia e Comune di Taranto, con il supporto di Farina Pianoforti e Pascar, è in programma domenica 28 maggio, alle ore 18. Seguirà la premiazione. Le prove dei musicisti e la finale possono essere seguite anche in livestream sul sito della manifestazione, che con le sue cinquantacinque edizioni costituisce un punto di riferimento per i grandi talenti di ogni parte del mondo Fondato nel 1962 e ormai consacrato nel circuito delle più importanti competizioni, il Concorso Speranza in oltre mezzo secolo non ha mai subito un’interruzione, imponendosi con una continuità che rappresenta uno dei segni di garanzia sul piano della qualità. Ma la manifestazione può vantare anche quella credibilità e autorevolezza che possono essere realmente certificate solo dal successo artistico dei tanti giovani musicisti passati attraverso quest’importante competizione. addetto stampa Francesco Mazzotta

Fonte: Francesco Mazzotta

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0