Carambola di auto a Taranto Tre morti, coinvolta una Ferrari

Print Friendly, PDF & Email

TARANTO – L’asfalto reso viscido dalla pioggia e forse la velocità: sono questi i due elementi che potrebbero aver provocato in Puglia nel pomeriggio un terribile incidente stradale nel quale sono morte tre persone e altre dieci, tra cui quattro bambini, sono rimaste ferite, alcune delle quali sono in gravi condizioni.
L’incidente è avvenuto sulla statale 172 «dei Trulli» che collega Taranto a Martina Franca, in contrada San Paolo, nel territorio martinese. Quattro le vetture coinvolte, tra le quali una Ferrari.

La potente vettura era guidata da Michele Nigro, un imprenditore di 57 anni di Crispiano (Taranto): l’uomo – secondo quanto accertato finora – avrebbe perso il controllo dell’auto che ha travolto altre tre vetture. Il conducente della Ferrari, nell’urto, è stato sbalzato a circa 30 metri di distanza dal luogo dove è stata poi trovata la sua auto ed è morto. Sul colpo è morta un’altra persona, mentre una terza è deceduta durante il trasporto in ospedale. Oltre al conducente della Ferrari le altre due vittime – a quanto si è saputo – sono un uomo e sua moglie: Domenico Tagliente, 58 anni, e Angela Massafra, 55 anni.

I quattro bambini rimasti coinvolti nell’incidente non sarebbero in gravi condizioni. Tre delle quattro automobili coinvolte nel violento impatto – una Lancia K, una Citroen Xsara e una Ford Focus – sono finite contro un muretto a secco. Frammenti delle vetture hanno investito l’area per un raggio di 50 metri. A causa dell’incidente, l’Anas ha provveduto a chiudere al traffico il tratto della strada statale 172 «dei Trulli», dal km 52,000 al km 54,000, in entrambe le direzioni. Non è escluso che il conducente della Ferrari possa aver perso il controllo della vettura a causa dell’asfalto reso scivoloso dalla pioggia. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, ambulanze del 118 da Taranto, Bari e Cisternino (Brindisi), i vigili urbani e gli agenti della Polizia stradale.

Fonte: Quotidiano.it Domenica 29 Gennaio

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0