Crispiano, i commercianti di “ Aca Crispius” si difendono dalle accuse

Print Friendly, PDF & Email

CRISPIANO – “ Stop alle critiche!” A chiederlo è, attraverso la voce di Pasquale Ferrante, Michele Di Cesare e Piero Marsella, l’Associazione commercianti di Crispiano. Costituita da ben 61 tra operatori delle più svariate categorie ed artigiani, l’Aca Crispius ( questo il nome dell’associazione) vuole così rispondere ad articoli e manifesti in cui gli addetti al settore sono stati apertamente attaccati. “Siamo stati definiti incompetenti per il modo in cui abbiamo organizzato l’Estate crispianese 2006, ma se si considera che non lo facciamo di mestiere e che i fondi a nostra disposizione erano solo 3500 euro, contro i 15mila dell’edizione precedente, abbiamo ottenuto dei buoni risultati”, affermano i tre rappresentanti. Che continuano: “Questa associazione è nata allo scopo di fare gruppo, di unire tutti gli esercenti per dar loro una voce e in questo caso tale voce è stata positiva, sebbene sia stato detto che i commercianti si sono lamentati. Ci hanno scritto “Svegliatevi!” , ma noi rispondiamo che siamo abbastanza svegli.” Le critiche si rivolgono poi ad un questionario pubblicato da un giornalino locale:” Dagli esiti sarebbe emersa una scarsa consapevolezza di categoria, invece era il questionario stesso ad essere ambiguo, di libera interpretazione. Non è stato facile metterci insieme, ma adesso che ci siamo uniti costituiamo un gruppo unito e forte, con mentalità nuova, fatto da operatori giovani, interessati ed interessanti.” Ferrante , Di Cesare e Marsella rispondono poi ad un manifesto della Pro Loco, in cui si lamentava la mancata partecipazione economica dei commercianti al Carnevale del fegatino: “ Da come è stata prospettata la cosa noi ne siamo usciti male, come se a rifiutarsi di versare la quota pattuita fosse stato il 90 percento degli operatori. Invece sono stati semplicemente 3 i commercianti che in un certo senso si sono tirati indietro, perché hanno versato solo una parte della quota pattuita. Sia chiaro, noi diciamo grazie a chi lavora ed è anche per questo che abbiamo fortemente voluto un incontro con la Pro Loco e l’amministrazione: Infatti noi vogliamo che il Carnevale, che è una manifestazione davvero importante, si faccia anche quest’anno, ma non possiamo essere accusati ingiustamente”. E intanto, nella speranza di diventare sempre più numerosi, per chiunque voglia associarsi, danno un numero telefonico 3287754218 ed un’email , aca. crispius @ alice.it .

Fonte: Paola Guarnieri